Roma ha una quantità di monumenti, chiese, catacombe, musei e etc. che è impensabile poterle indicare tutte. Per questo, di seguito, solo alcune brevi informazioni sulle principali attrazioni turistiche presenti nella capitale.

La Basilica di San Pietro
La Basilica di San Pietro si trova nel cuore della Città del Vaticano, uno Stato sovrano e indipendente, sulla riva destra del fiume Tevere, nel centro di Roma. La Basilica con la sua cupola nervata svetta imponente nella sua piazza e sembra dare il benvenuto a tutti i pellegrini del mondo fra le braccia della Chiesa Madre.
La Basilica sorge sulle fondamenta della basilica costantiniana, che è stata per oltre mille anni un'area sacra di mausolei pagani-cristiani. Piazza San Pietro con il celebre colonnato rappresenta una delle idee geniali di Gian Lorenzo Bernini. E’ profonda 320 metri con un ellissi centrale di 240 metri ed è circondata da 4 file di 284 colonne e 88 pilastri. La balaustra sopra le colonne è decorata con 140 statue di santi.

Castel Sant'Angelo
Adriano aveva fatto costruire un mausoleo per sé e per la sua famiglia al fine di avere un facile accesso a questo sepolcro. Il monumento sepolcrale fu costruito nella zona di Campo Marzio e per raggiungerlo fece edificare un ponte che attraversava il Tevere, Ponte Elio, che è stato inaugurato nel 134 d.C.

Via Appia
Stazio, poeta latino, l’ha definita "la regina delle strade" per lo splendore dei suoi monumenti funerari, le splendide residenze patrizie nella sezione suburbane e per la suggestiva bellezza della terra che l’attraversava. Nella valle che separa il Celio dall’Aventino c'era una volta la porta Capena, oggi scomparsa, da cui la più imponente delle vie consolari della città ha cominciato, la Via Appia.

Piazza del Campidoglio
La magnifica piazza del Campidoglio si trova sul colle Capitolino della Roma pagana. Questo era il più piccolo dei sette colli di Roma: con soli 50 metri di altezza, ma ha superato per importanza tutte le altre colline circostanti. Qui ha dominato la superba Rocca della città, l'Arce, quindi il più antico tempio dedicato a Giove Capitolino, dove il corteo trionfale del leader vittorioso si concludeva con un sacrificio al dio.

Piazza di Spagna
La piazza è uno dei luoghi caratteristici della città e offre uno splendido panorama sul centro di Roma. Dominata dalla facciata della chiesa di Trinità dei Monti, costruita nel 1502 e consacrata nel 1587 da Sisto V, che ha fatto di essa un punto focale del suo ambizioso piano urbanistico. Da qui inizia la Via Felice, poi Sistina, strada rettilinea che conduceva i pellegrini alla basilica di Santa Maria Maggiore.

Isola Tiberina
Secondo la leggenda, l'isola si è creata dal limo che si è ammassato e che proveniva dalle colture dei Tarquini giungendo fin dentro al Tevere. Quando l'ultimo re è stato cacciato dai Romani l’Isola naturale si è ingrossata, nei secoli, per via dei rifiuti accumulati.

Fontana di Trevi
La più spettacolare delle fontane di Roma, immortalata dal bagno notturno di Anita Ekberg nel film di Fellini "La dolce vita". La prima fontana venne progettata da Marco Agrippa nel 19 a.C. per l'approvvigionamento idrico dei bagni termali, costruiti nei pressi del Pantheon. Molto tempo dopo, nel 1453, venne costruita una nuova fontana per papa Nicolò V, progettata da Giovan Battista Alberti nel luogo chiamato "della Trejo" da qui il nome di Trevi. La fontana ha segnato un importante punto di svolta per la città che per secoli ha dovuto usare l’acqua del fiume Tevere. Tre secoli dopo papa Clemente XII decise di sostituire la vecchia fontana e per questo promosse un concorso tra i migliori scultori del suo tempo. Lo scopo era quello di dare a Roma e ai romani non solo l'acqua potabile ma anche una grandiosa opera d'arte. Fra i bozzetti presentati scelse quello del romano Nicolò Salvi. La costruzione della fontana durò 23 anni.

Piazza Venezia
Piazza Venezia è considerata il centro della città, il luogo ideale indicato ai turisti da dove iniziare il loro giro alla scoperta della città. In passato era più semplice, divisa in due quadrati da un palazzo più piccolo, Palazzetto Venezia. La decisione di costruire sul fianco del Campidoglio un monumento dedicato a Vittorio Emanuele II causò la distruzione della piazza papale per dare vita a un nuovo centro politico-morale del nuovo paese. L'aspetto moderno della piazza, dopo un processo di demolizione e ricostruzione, riflette l'ideologia di grandiosità e la volontà di creare il mito della Terza Roma sulle rovine di quella imperiale e papale.

Foro Romano
Il sito del Foro era una valle paludosa e malsana che si trovava all'incirca al centro di un cerchio di colline su cui risiedevano piccoli villaggi. Gli abitanti della valle lo utilizzato come luogo di sepoltura. Nel VII sec a.C., sotto il re etrusco Tarquinio il Vecchio, l'acqua stagnante è stato prosciugata per divenire la grande fogna Cloaca Maxima. Successivamente, dopo essere stata bonificata, divenne una piazza reale al centro della città. Gli edifici che vediamo oggi nel Foro non risalgono allo stesso periodo.

Piramide di Caio Cestio
Lungo la via Ostiense, si trova l'originale Piramide di Caio Cestio, un monumento sepolcrale che questo funzionario, che si occupava dei banchetti sacri, aveva eretto come propria tomba.

Pantheon
"Il più bel resto dell'antichità romana è senza dubbio il Pantheon. Questo tempio ha così poco sofferto, che ci appare come dovettero vederlo alla loro epoca i romani. Credo che questa volta immensa, sospesa sulla testa senza apparente sostegno, dia agli sciocchi il senso della paura; ma ben presto si tranquillizzano e dicono: "E' per farmi piacere che si son presi la pena di darmi una sensazione così forte!" Stendhal, Passeggiate Romane.

Piazza Navona
La Piazza più caratteristica di Roma; con tutto il circondario, le sue strade strette, i vicoli bui e i suoi palazzi chiusi, testimoni di un glorioso passato e di una tradizione piena di fascino.

Arco di Costantino
Uno dei più importanti monumenti commemorativi dell'antichità romana, l’Arco di Trionfo. Eretto dal Senato romano nel 315 d.C., dopo la vittoria di Costantino su Massenzio nella battaglia di Ponte Milvio. Molte delle decorazioni provengono da strutture costruite in epoche precedenti e per questo motivo, molti rilievi, non hanno nulla a che fare con fregi Costantiniani.

Il Colosseo
L'Anfiteatro Flavio, meglio conosciuto come il Colosseo, è probabilmente il monumento più famoso del mondo: la sua forma ellittica, con una altezza di 48mt, ha impressionato e affascinato gli uomini di ogni età. E 'stato senza dubbio il posto preferito del popolo romano, per via dei combattimenti tra i gladiatori e tra gladiatori e animali.

Circo Massimo
Il circo venne utilizzato per le corse delle bighe. Situato nella valle tra i colli Aventino e Palatino si dice che sia stato costruito dal re Tarquinio Prisco, anche se ci sono testimonianze di gare simili durante il periodo di Romolo.